Buon Natale

dicembre 20, 2007

…e felice nuovo ordine mondiale a tutti.

Annunci

Ron Paul

dicembre 16, 2007

ron_paul_photo_4.jpg

L’ultima speranza per una nazione in stato terminale!!

Italians4RonPaul

“…man is not free unless government is limited. There’s a clear cause and effect here that is as neat and predictable as a law of physics: As government expands, liberty contracts.”
Ronald Reagan


We’ve all heard the words democracy and freedom used countless times, especially in the context of our invasion of Iraq. They are used interchangeably in modern political discourse, yet their true meanings are very different.

George Orwell wrote about “meaningless words” that are endlessly repeated in the political arena*. Words like “freedom,” “democracy,” and “justice,” Orwell explained, have been abused so long that their original meanings have been eviscerated. In Orwell’s view, political words were “Often used in a consciously dishonest way.” Without precise meanings behind words, politicians and elites can obscure reality and condition people to reflexively associate certain words with positive or negative perceptions. In other words, unpleasant facts can be hidden behind purposely meaningless language. As a result, Americans have been conditioned to accept the word “democracy” as a synonym for freedom, and thus to believe that democracy is unquestionably good.

The problem is that democracy is not freedom. Democracy is simply majoritarianism, which is inherently incompatible with real freedom. Our founding fathers clearly understood this, as evidenced not only by our republican constitutional system, but also by their writings in the Federalist Papers and elsewhere. James Madison cautioned that under a democratic government, “There is nothing to check the inducement to sacrifice the weaker party or the obnoxious individual.” John Adams argued that democracies merely grant revocable rights to citizens depending on the whims of the masses, while a republic exists to secure and protect pre-existing rights. Yet how many Americans know that the word “democracy” is found neither in the Constitution nor the Declaration of Independence, our very founding documents?

A truly democratic election in Iraq, without U.S. interference and U.S. puppet candidates, almost certainly would result in the creation of a Shiite theocracy. Shiite majority rule in Iraq might well mean the complete political, economic, and social subjugation of the minority Kurd and Sunni Arab populations. Such an outcome would be democratic, but would it be free? Would the Kurds and Sunnis consider themselves free? The administration talks about democracy in Iraq, but is it prepared to accept a democratically-elected Iraqi government no matter what its attitude toward the U.S. occupation? Hardly. For all our talk about freedom and democracy, the truth is we have no idea whether Iraqis will be free in the future. They’re certainly not free while a foreign army occupies their country. The real test is not whether Iraq adopts a democratic, pro-western government, but rather whether ordinary Iraqis can lead their personal, religious, social, and business lives without interference from government.

Simply put, freedom is the absence of government coercion. Our Founding Fathers understood this, and created the least coercive government in the history of the world. The Constitution established a very limited, decentralized government to provide national defense and little else. States, not the federal government, were charged with protecting individuals against criminal force and fraud. For the first time, a government was created solely to protect the rights, liberties, and property of its citizens. Any government coercion beyond that necessary to secure those rights was forbidden, both through the Bill of Rights and the doctrine of strictly enumerated powers. This reflected the founders’ belief that democratic government could be as tyrannical as any King.

Few Americans understand that all government action is inherently coercive. If nothing else, government action requires taxes. If taxes were freely paid, they wouldn’t be called taxes, they’d be called donations. If we intend to use the word freedom in an honest way, we should have the simple integrity to give it real meaning: Freedom is living without government coercion. So when a politician talks about freedom for this group or that, ask yourself whether he is advocating more government action or less.

The political left equates freedom with liberation from material wants, always via a large and benevolent government that exists to create equality on earth. To modern liberals, men are free only when the laws of economics and scarcity are suspended, the landlord is rebuffed, the doctor presents no bill, and groceries are given away. But philosopher Ayn Rand (and many others before her) demolished this argument by explaining how such “freedom” for some is possible only when government takes freedoms away from others. In other words, government claims on the lives and property of those who are expected to provide housing, medical care, food, etc. for others are coercive– and thus incompatible with freedom. “Liberalism,” which once stood for civil, political, and economic liberties, has become a synonym for omnipotent coercive government.

The political right equates freedom with national greatness brought about through military strength. Like the left, modern conservatives favor an all-powerful central state– but for militarism, corporatism, and faith-based welfarism. Unlike the Taft-Goldwater conservatives of yesteryear, today’s Republicans are eager to expand government spending, increase the federal police apparatus, and intervene militarily around the world. The last tenuous links between conservatives and support for smaller government have been severed. “Conservatism,” which once meant respect for tradition and distrust of active government, has transformed into big-government utopian grandiosity.

Orwell certainly was right about the use of meaningless words in politics. If we hope to remain free, we must cut through the fog and attach concrete meanings to the words politicians use to deceive us. We must reassert that America is a republic, not a democracy, and remind ourselves that the Constitution places limits on government that no majority can overrule. We must resist any use of the word “freedom” to describe state action. We must reject the current meaningless designations of “liberals” and “conservatives,” in favor of an accurate term for both: statists.

Every politician on earth claims to support freedom. The problem is so few of them understand the simple meaning of the word.

 

*Politics and the English Language, 1946.

Fonte: ronpaul2008 

Il Patto della crostata

dicembre 11, 2007

Cosa c’entrano le crostate con la politica e l’italia? Come il sugo di carne sul “tiramisù”? No molto di più di quello che tu potresti mai credere. Lo stato italiano si basa su uno dei più colossali imbrogli della Storia con la esse maiuscola. Lo stato italiano fu creato da una monarchia di provincia come quella dei Savoia la quale non avendo abbastanza forza e denaro per farsi le colonie in Africa o Asia si limitò a conquistare “il giardino incolto” della casa accanto, cioè il Sud, servendosi di un mercenario voltagabbana, tale Giuseppe Garibaldi. Il Patto della crostata stipulato a casa di Gianni Letta, verso la fine degli anni ’90 è una delle più vergognose pagine della storia di questo infelice stato.
Molto italianamente il nome deriva dal dolce che fu servito nella occasione della stipula del patto a Roma appunto in casa Letta.

Se qualcuno dicesse che il patto fondante l’Unità “nazionale” (almeno quella attuale). ossia un patto per mistificare e falsificare tutta la verità anche storica per mantenere in vita lo Stato italiano probabilmente non ci credereste. Beh in effetti, difficile ad accettarsi, si tratta esattamente di questo.

COME FUNZIONA IL “PATTO DELLA CROSTATA”

Il fulcro del patto della crostata è costituito dalla costruzione mediatica e fisica del cosiddetto “popolo italiano” attraverso una massiccia immigrazione sopratutto di giovani (nota 2) per, attraverso una società multiculturare, cancellare le tradizioni e le lingue dei vari popoli autoctoni dello stato italiano.
Dal punto di vista mediatico il patto della crostata si espleta attraverso la sistematica manipolazione delle informazioni ed anche la creazione di artefatti giornalistici (per esempio la messa in scena di finte rapine alle ville per poter fare dire “erano certamente italiani”)

ecco alcuni punti:

  • Appaiamento e accumunamento di notizie simili provenienti da Nord e da Sud con invenzione e manomissione di notizie se necessario (note 1, 1a)
  • Previsioni del tempo nello stile “in tutta Italia” per convincere che anche il clima metereologico è uniforme e con la sostituzione delle temperature assolute con la variazione sulla media stagionale meglio adatta al mascheramento delle diversità climatiche
  • Divulgazione unicamente di statistiche di qualsiasi genere in qualche modo omologhe in tutto il territorio “nazionale”. Se necessario le statistiche vengono pesantemente manipolate (nota 3). Se ciò è impossibile dette statistiche non vengono divulgate
  • In particolare si fa risultare che il Lazio, regione ove si trova la capitale, è sempre ai primi posti per ricchezza, cultura, efficienza ecc
  • Promulgazione della cosiddetta LEGGE SULLA PRIVACY introdotta allo scopo, per nascondere la verità sulla provenienza della criminalità
  • Costante esposizione del potere romano (esponenti politici, prefetti, guardia di finanza) nel Norditalia per ammorbare la volontà di autonomia per fare vedere che “ormai comandano loro”. Questa è una tecnica psicologica evidente.
  • Nei mass media far apparire meridionali e settentrionali “visivamente” simili tramite banali trucchetti ottici come mettere uno sfondo chiaro per fare apparire la pelle più scura nei settentrionali e viceversa per i meridionali

  • Esposizione nauseante del tricolore e dell’inno di Mameli ad ogni minima occasione
  • Uso ripetitivo e ossessionante del sostantivo “italia” e dell’ aggettivo “italiani” da parte di mezzi di comunicazione di massa
  • Inserimento della parola “italia” nei nomi di società pubbliche e private (esempi: da Sip a Telecom italia, da Ferrovie dello Stato a Trenitalia, da Società Autostrade ad Autostrade per l’italia e così via)
  • Enfatizzazione mediatica di reati e fatti criminosi commessi da settentrionali e minimizzazione od oscuramento dei medesimi commessi da meridionali e immigrati (nota 4) in particolare nelle province “leghiste” come Como, Varese, Treviso e adesso Novara.
  • Accostamento forzato delle parole “Padania”, “Lega Nord” e “leghisti” a fatti criminosi o avvenimenti sgradevoli come tecnica di guerra psicologica
  • Creazione ad arte di episodi di criminalità fasulli come rapine nelle ville, Unabomber ecc. per potere far scrivere ai giornali “erano tutti italiani” e che “c’è più criminalità al Nord che al Sud”

Tutte queste tecniche sono state elaborate da sociologi e psicologi perlopiù meridionali o comunisti dei quali sarebbe necessaria la eliminazione fisica per prima cosa. La pericolosità dei servizi segreti italiani non è insita nel senso di patria inesistente nell’inesistente popolo italiano ma in quanto in grande maggioranza meridionali, perciò aventi una coscienza della necessità di mantenere lo “status quo”.

IL SOTTOFONDO LEGISLATIVO DEL PATTO DELLA CROSTATA

Sia il governo dell’Ulivo che il governo Berlusconi hanno promulgato numerose leggi facenti parte di detto patto: ecco un breve esempio.

  • Legge sulla privacy per occultare l’origine della criminalità nel Nord, viceversa i pochi crimini gravi forse commessi da settentrionali vengono amplificati e strumentalizzati (come nel caso di Cogne e Garlasco)
  • Authorithy di varia natura tutte allocate nel Sud per controllare l’economia del Nord
  • Salvataggio ad ogni costo delle società pubbliche nella cui ragione sociale vi sia la parola “italia” (es. Alitalia)
  • Costrizione delle grandi aziende ad avere la sede a Roma in ordine al controllo della ecomomia del Nord
  • Totale libertà di ingresso e movimento per stranieri per favorire la creazione di un popolo italiano artificiale
  • Scioglimento del NIT (Norditalia transplant) per controllare la gestione degli organi a Roma a dispetto del fatto che le donazioni avvengono praticamente solo al Nord

POSSIBILI SOLUZIONI AL DRAMMA “ITALIANO”

Evidentemente la soluzione più logica e razionale nell’attuale clima di destrutturazione economica e sociale sarebbe la lotta armata. Al massimo si potrebbe discutere delle tecniche di lotta, la quale è variabile e variata nel cosrso dei decenni.
Lo stato italiano va fatto a pezzi al più presto possibile prima che la cancrena divori anche gli ultimi barlumi di democrazia
Successivamente sarà necessario un massiccio repulisti della magistratura per sfiancare la resistenza dei satrapi del sistema. La reazione del Sud sarebbe devastante: Bisogna che il Sud si convinca della non convenienza del procrastinare lo stato italiano essendo questo non più propizio agli interessi dell’ex Regno delle due Sicilie.

Nota 1: Esemplare il caso delle notizie sul traffico. Trovano sempre il modo di inserire la Salerno-Reggio Calabria tra le autostrade più intasate per giustificare l’enorme spesa di gestione senza che si paghi il pedaggio. Se non possono includere questa autostrada non danno nemmeno le notizie di ingorghi altrove, ma il TIPICO ESEMPIO è costituito dagli aeroporti. Se succede qualche casino o incidente a Fiumicino, vedete che immancabilmente la stampa riporta qualche accidente anche a Malpensa per mostrare che i disagi e malfunzionamenti ci sono OVUNQUE.

Nota 1a: Tipico esempio il caso dei ripetuti incendi di automobili avvenuti a Roma pr dei motivi che non ci interessano. Guarda caso dopo qualche tempo è successa una cosa del genere a Milano per potere fare scrivere ai giornali che “Milano è come Roma”.
Nota 2: La legge Turco-Napolitano vietava espressamente l’espulsione dei minori di anni 16 e delle donne incinte e ciò non è stato modificato dalla successiva legge Bossi-Fini
Nota 3: Un trucco statistico tipico è quello di usare le percentuali anzichè i numeri assoluti
Nota 4: Pensate solo cosa sarebbe successo se a schiantarsi volontariamente con un aereo contro il grattacielo Pirelli non fosse stato un avellinese ma un milanese. Almeno ne avrebbero tratto una “fiction”

Fonte: www.fottilitalia.com

La politica dei servi

dicembre 7, 2007

Prodi Padoa Schippa Draghi, la politica dei servi

Il Nazismo non è morto…

dicembre 2, 2007

…ha solo cambiato indirizzo

colorado base

Linux

dicembre 1, 2007

sudo command