Dubbi

settembre 13, 2007

Sono attorniato da dubbi che non mi lasciano in pace.

Premessa: Ogni giorno siamo bombardati da notizie sul debito pubblico che non accenna a diminuire e dall’inflazione che è sempre a livelli stabili ma non accenna a diminuire.

Ma:

  • Verso chi siamo debitori? Perchè esso non accenna a diminuire, ma aumenta soltanto?
  • Perchè da svariati anni non si parla più di deflazione, ma solo di inflazione? E’ ancora l’oro a garantire la moneta?
  • Ma soprattutto, chi sono i padroni di Bankitalia Spa?

In verità, l’unica certezza è che i padroni di Bankitalia Spa sono noti già da alcuni anni, ma non molti lo sanno. E, sorpresa, questi sono banche e assicurazioni. Insomma, tutto in famiglia. La lista è un file pdf prelevabile drettamente dal sito di Bankitalia, a questo link.

Ecco una parte della lista dei partecipanti:

Intesa Sanpaolo S.p.A.
UniCredito Italiano S.p.A.
Banco di Sicilia S.p.A.
Assicurazioni Generali S.p.A.
Cassa di Risparmio in Bologna S.p.A.
INPS
Capitalia, Società per Azioni
Banca Carige S.p.A. – Cassa di Risparmio di Genova e Imperia
Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

P.S. Per moneta non si intende solo i contanti, ma anche la moneta digitale creata al momento di un prestito.

Annunci

Signoraggio

settembre 10, 2007

Un termine innoquo con un risvolto drammatico.

Il signoraggio è la differenza tra il valore nominale e il valore intrinseco di una moneta. Il valore nominale è quello stampato sulla moneta o banconota. Per esempio, il valore nominale della banconota su cui è stampato 100 è 100, ovviamente. Mentre il valore intrinseco è il valore ottenuto dal costo di produzione della moneta (inchiostro e carta). Prendiamo ad esempio una banconota da 100 euro. Il suo valore nominale è 100 euro, mentre il suo valore intrinseco è 0,30 euro.

Nell’attuale sistema monetario “occidentale” lo stato conia le monete mentre la banca centrale stampa le banconote che, sorpresa delle sorprese, non appartiene allo stato ma a società private con scopo di lucro (Spa). Queste banche prestano agli stati il denaro che stampano al valore nominale, non a quello instrinseco (costo di produzione), più un tasso di interesse detto tasso di sconto. Per esempio all’Italia una banconota da 100 euro viene a costare:

€100 + 2,5% (tasso di sconto) = €102,5

Ci guadagna la Banca Centrale Europea (BCE) e quindi ogni Banca Centrale Nazionale (come Bankitalia che è privata). Ricordiamo che alla BCE è costata 30 eurocent, quindi il signoraggio a vantaggio della BCE è di:

€102,5 – €0,30 = €102,2

Questa truffa legalizzata viene perpetrata ai danni delle persone da generazioni.

Creare ed emettere moneta è la suprema prerogativa di un governo nonchè la sua maggiore opportunità creativa.

Adottare questi principi farà risparmiare ai contribuenti somme immense di denari e il denaro smetterà di essere il padrone per diventare il servo dell’umanità.

Abraham Lincoln

Fonti: http://www.signoraggio.com/signoraggio_faq.html

E.C. : Il costo della banconota (30 centesimi) è riferito al franco svizzero. Per l’euro si parla addirittura di 3 centesimi di costo di stampa. (fonte: saperinvestire.it).